Canzone popolare e civile in Basilicata

Ninna Nanna

Informatrice Filomena Sorrentino anni 81 Tito

Ninna ninna, ninna ninnarella,

lu dupe s’e’ magne’ la picurella

Tu picurella mia cume faciste

quanne ‘mocca a tu dupe te vediste.

Picurella mia come farai

quanne ‘mocca a tu dupe te vedrai.

Viene suonne e nnu venire sole

viene a cavadde a nu cavadde bianche

la sella e’ d’ore e la briglia e’ halanda,

vien’ a cavadde a nu cavadde rrosse,

la sella e’ d’ore e la briglia a lu musse.

Viene Sant’Anna, mamma de Maria

viene l’addorme a stu’ figliu mije.

Viene Sant’Anna cu le menne chiene

e gne le sfratta a stu figliu mije.

Ninna ninna, ninna ninnarella / il lupo ha mangiato la pecorella. / Pecorella mia come hai fatto / quando in bocca al lupo ti vedesti. / Pecorella mia come farai / quando in bocca al lupo di vedrai. / Vieni sonno e non venire solo / viene a cavallo ad un cavallo bianco / la sella d’oro e le briglie eleganti, / vieni a cavallo ad un cavallo rosso, / la sella d’oro e le briglie al muso. / Vieni Sant’Anna, madre di Maria / vieni ad addormentarlo tu questo figlio. / Vieni Sant’Anna con il seno pieno, / e svuotalo per questo figlio mio.


Adduormete figlie mie

Informatrice Vincenza Becagli 50 anni

Adduormete figlie mie, duorme e cresce

cumme cresce lu rane quenne nasce.

Duormete figlie mie cu lu bone destine

cumme cresce la rosa a lu giardine.

Duormete figlie mie cu la bona fara

cumme cresce lu rane a lu semenare;

Maronna mia allumele tu

de mente, de pensiere e de vertu’.

Addormentati figlio mio, dormi e cresci, / come cresce il grano quando nasce. / Dormi figlio mio con un buon destino / come cresce la rosa nel giardino. / Addormentati figlio mio con una buona stella / come cresce il grano nel seminato. / Madonna mia illuminalo tu, / di mente, di pensiero e di virtu’.


Ninna nanna materana

Da “Canti popolari materani” a cura di Davide Giampiero.

Ninna, ninna ninnareddi

U Ilup s’ha magiat la picureddi.

Ninna, ninna ninno o . . . o . . . o

Si l’ha mangiat chi totti la lani,

povra pichiredd senz’attani.

Ninna, ninna ninno o . . . o . . . o

Pichiredda me, come facisti

quann mmocc o Ilup ti vidisti?

Ninna, ninna ninno o . . . o . . . o

Cce ffe’ sunn e ca na’ mbini

vin a cheddo’ori ca vinisti airi.

Ninna, ninna ninno o . . . o . . . o

Ninna, ninna ninnarella, / il lupo ha mangiato la pecorella. / Se l’ha mangiata con tutta la lana / povera pecorella senza padre. / Pecorella mia come facesti / quando in bocca al lupo ti vedesti. / Che fai sonno che non vieni / vieni alla stessa ora di ieri.


T’amavo, nun t’amo chiu’

Da “Canti popolari lucani” di F. Noviello.

T’amavo nun t’amo cchiu’ t’agge lasciato.

E ringrazio Dio ca ne so’ asciuto.

Io ero muto, cecare, era nsensato,

cammenavo disperso, era perduto.

Nega’ io nun putria ca t’agg’ amato,

e chiu’ fedele de me nun hai avuto,

si tu te vante ca me hai lassato,

io me vantarragge ca t’agg’ avuta.

T’amavo e non ti amo piu’, ti ho lasciato. / E ringrazio Dio che ne sono uscito. / lo ero muto, cieco, ero insensato, / camminavo disperso, ero perduto. / Negare non potrei che ti ho amato, / e piu’ fedele di me non potevi avere / Se tu ti vanti di avermi lasciato, / io mi vantero’ di averti posseduta.


Sa’ mamma d’ Rusina

E’ uno dei canti pervenuti a seguito dei servizio militare post-unitario. La canzone e’ diffusa in tutta la Basilicata. Una lezione simile, ma con ritmo piu’ incalzante, si canta in Lombardia.

Sa mamma de Rusina era gilosa!

Sa mamma de Rusina era gilosa!

Manch’ alla messa, la uocchi neura mia,

manc’ alla messa la vulia manna’.

Ma la mannava sola allu milini

ma la mannava sola allu milini

Truvase lu mulinare cu d’uocchi bianchi e neri

truvase lu mulinare ca durmia.

Struvegleti mulinare ca e’ fatti giorn!

Struvegleti mulinari ca e’ fatti giorn!

Venu’ e’ Rusina cu d’uocchi bianchi e neri

venu’ e’Rusina a macinar.

Mentre lu mulin macinava

li mani inda lu pietti, la uocchie neura mia

li mani inda In petti gne mettia.

Fermate mulinar’ cu li mani

Fermate mulinar’ cu li mani.

Io tengo sei fratell chi l’uocchi bianchi e neri,

io tengo sei fratell – ti ammazzerann.

Nun tengo paura di sei e ne’ di sett!

Nun tengo paura di sei e ne’ di sett!

Ii tiegni na pistola, la uocchi neura mia

ii tiegni na pistola caricata.

E caricata di doi pallucc’ d’ori

E caricata di doi pallucc’ dori

menza la chiazza, la uocchi neura mia

menza la chiazza, la vulia basciamenza la chiazza,

la uocchi neura mia

menza la chiazza la’ chi muori muori.

La madre di Rosina era gelosa! / Neanche alla messa gli occhi neri mia / neanche alla messa voleva mandarla. / Ma la mandava sola al mulino. / Trovo’ un mugnaio con gli occhi bianchi e neri / trovo’ il mugnaio che dormiva. / Svegliati mugnaio che e’ fatto giorno. / Venuta e’ Rosina con gli occhi bianchi e neri. / Venuta e’ Rosina a macinare. / E mentre il mulino macinava / le mani dentro al seno / le mani dentro al seno le metteva.

Fermati mugnaio con le mani / che ho sei fratelli con gli occhi bianchi e neri / ho sei fratelli ti ammazzeranno. / Non ho paura di sei ne’ di sette. / lo tengo una pistola / gli occhi neri miei / io tengo una pistola caricata. / E caricata a due palline d’oro / in mezzo alla piazza gli occhi neri miei / in mezzo alla piazza io la bacero’. / In mezzo alla piazza gli occhi neri miei / in mez zo alla piazza chi muore muore.


Oj ma’ mo vene lu zit(Versione audio RealAudio)

Canzone molto diffusa sia nel materano che nel potentino e raccolta dagli autori.

Oj ma’ mo vene lu zit – bi, bi, bo’.

Arbe la porta e fallu trasi’

parapatapi’ pin pa’.

Oj ma’ mo e’ trasu’ – bi, bi, bo’.

Piglia la seggia e fall’assetta’

parapatapi’ pin pa’.

Oj ma’ mo s’e assetta’ – bi, bi, bo’.

Aggiusta la tavela e fallu magna’,

parapatapi’ pin pa’.

Oj ma’ mo ha magna’ – bi, bi, bo.

E piglia lu vine e fallu mbriaca’

parapatapi pin pa’.

Oj ma’ mo s’e’ mbriaca’, bi, bi, bo.

Aggiusta lu diett e fallu curca’

parapatapi’ pin pa’.

Oj ma’ mo s’e’ curcat, bi, bi, bo’.

E vattela a fa’ na chiacchiriata

parapatapi’ pin pa’.

Oi mamma ora viene il fidanzato / apri la porta e fallo entrare. / Oi mamma e’ entrato. / Prendi la sedia e fallo sedere. Oi mam ma si e’ seduto. / Prepara la tavola e fallo mangiare. /Oi mamma ora ha mangiato. / Prendi il vino e fallo ubriacare. / Oi mamma ora si e’ ubriacato. /Prepara il letto e fallo coricare. / Oi mamma si e’ coricato. /E vatti a fare una chiacchierata.


Tengh’ ‘na figlia vurtulosa !

Informatore M. Lamattina.

Tengh’ ‘nafiglia vurtulosa,

edda taglia, edda cos’

Inda ‘n ann’ e nov’ mis’

nu’ n’a’ cusut’ mezza cammisa.

Ue’ che figlia, ue’ che figlia

accis’ ‘ngann’ a chi s’ la piglia!

Inda n’ann’ e no’ mis’

nu’ n… cusut’ mezza cammisa.

E chi ric’ ca nu’ n’e’ bella,

m’ c’ vogl’ appiccica’,

cu’ nu’ fior’ a la ‘unnella

lu vantsin’ fac abbala’.

Bella figliola, ca ciern’ farina,

ch’ ‘ss cul’ nu’ tucula”:

cu’ la furia r’ ss’ mmenn’

la farina’ fai abbula’.

Ho una figlia virtuosa, / lei taglia, lei cuce. / In un anno e nove mesi, / non ha cucito mezza camicia. / Oi, che figlia, o che figlia, / ucciso sia chi se la piglia. / In un anno e nove mesi, / non ha cucito mezza camicia. / E chi dice che non e’ bella, mi ci voglio bisticciare; / con un fiore alla gonnella, / il grembiule fa volare. / Bella figliuola che setacci farina / col sedere non ti agitare / con la furia delle tue mammelle / la farina fai volare.


Cumm’ si’ fatta rossa

Informatore M. Lamattina.

Ue’, ue’, ue’, lassa mammata

e vien’ ch’ me!

Ue’ com’ si fatta rossa,

m’ par’ ‘na cirasa.

T’aggia schiaffa’ ‘nu vas’

addov’ piac’ a mi!

T’aggia schiaffa’ ‘nu vas’

addov’ piac’ a mi.

Ue’ com’ si fatta ‘janga,

siembr’ la nev’ r’ la mundagna;

li capidd’ a la mascagna

m’a’i fatt’ ‘nnammura’.

Li capidd’ a la mascagna,

m’a’i fatt’ ‘nnammura’.

Com’ si’ fatta neura,

sieimbr’ lu fum’ ‘Ila ciiminiera;

nunzemai m’fuss’ miglier’,

m’ faciss’ appaura’.

nunzemai m’ fuss’ mglier’,

m’ faciss’ appaura’.

Ne com’ si’ fatta ‘janga

m’ par’ ‘na rcotta,

t’aggia’ schiaffa’, ‘na botta

addov’ rich’ e’!

T’aggia schiaffa” ‘na botta

addov’ rich’ e’!.

Ei, ei, ei, lascia tua madre / e vieni con me! / Ei, come sei fatta rossa, / mi sembri una ciliegia. / Ti debbo dare un bacio, / dove piace a me! / Ti debbo dare un bacio / dove piace a me. Ei, come sei fatta bianca, / sembri la neve di montava; / con i capelli alla mascagna, / mi hai fatto innamorare.

Come sei fatta nera, sembri il fumo della ciminiera; / non sia mai mi fossi moglie, / mi faresti terrorizzar! / Non sia mai mi fossi moglie, / mi faresti terrorizzar ! / Come sei fatta bianca, / mi sembri una ricotta; / ti debbo dare una “botta” / la’ dove dico io. / Ti debbo dare una “botta” / la’ dove dico io!


Che bellu viso ca tiene

Canto raccolto nelle campagne di Muro Lucano, informatore Michele Russo.

Che bellu visu chi lene sta campagnola,

si si e no, baciarla non si puo’

morire a me mi fa sta campagnola.

Che bellu piett tene sta campagnola,

si si e no, baciarlo non si puo’

morire a me mi fa sta campagnola.

Che belli gambe che tene sta campagnola,

si si e no, baciarla non si puo’

morire a me mi fa sta campagnola.

Che bellu capellu ca tene sta campagnola,

si si e no, baciarla non si puo’

morire a me mi fa sta campagnola.

Che bel viso che tiene questa campagnola / Che bel petto che tiene questa campagnola. / Che belle gambe che tiene questa campagnola. / Che bei capelli che tiene questa campagnola. / Si, si e no baciarla non si puo’ / morire mi fa questa campagnola.


Oi mamma mamma

Canzone diffusa in tutta la Basilicata ed anche in alcune regioni dell’Italia centro-settentrionale. Questa e’ una lezione potentina.

Oi mamma mamma me more me more

pe’ na cosa ca all’orto mo’ sta’.

Si tu vuoi lu funucchill’

mo’ vagg’ all’orto e lu vagg’ a piglia.

A quant’e’ stupida la mamma mia

ca nun capisce la malatia.

Oi mamma mamma ma moro mo’ moro

pe’ na cosa ca all’uorte mo sta’.

Si tu vuoi lu rafaniell’

mo’ vagg’ all’orte e lu vagg’ a piglia.

A quant’e’ stupida la mamma mia

ca nun capisce la malatia.

Oi mamma mamma io moro mo’ moro

pe’ na cosa ca all’orto mo’ sta’.

Si tu vuoi l’urtulane nun gne sta’ osce, vene dimane.

A quant’e’ bell’ la mamma mia

ca ha capito la malatia.

O mamma mamma io muoio io muoio / per una cosa che sta’ nell’orto. / Se tu vuoi il finocchietto / ora vado all’orto e lo vado a prendere. / Ma quant’e’ stupida la mamma mia / che non capisce la malattia. / O mamma mamma io muoio io muoio / per una cosa che nell’orto sta’. / Se tu vuoi il rafanello / ora vado all’orto e lo vado a prendere. / Ah quant’e’ stupida la mamma mia / che non capisce la malattia.

O mamma mamma io muoio io muoio / per una cosa che nell’orto sta’. / Se tu vuoi il cetriolino / io vado all’orto e lo vado a prendere. / Ma quant’e’ fessa la mamma mia / che non capisce la malattia. O mamma mamma io muoio io muoio / per una cosa che nell’orto sta’. / Se tu vuoi l’ortolano, oggi non c’e’, viene domani. / Ah quant’e’ bella la mamma mia che ha capito la malattia.


Angiulina

Canto popolare dei potentino diffuso in tutta la Basilicata.

Angelina vulia na vesta

la vulia tutta celeste,

la vulia cu li buttone

Angiulina cu li uaglione.

E la sera de carnevale

Angiulina gese a balla’

e se fece accumpagna’

da nu giovane appaldator.

Corre corre Lucietta

va a chiamare lu dottore

ca me sento di morire

ca me sento un gran dolor.

Lu duttore e’ arrivate

e l’incomincia a visitare

dimme dimme bella mia

dimm dimm la verita’.

La verita’ io nun la saccio

telo dico con vero cuore

e’ stato un giovane appaldatore

ca m’ha tradito per amor.

Per questa canzone la traduzione sembra inutile.


Lu squarpare (Versione audio RealAudio)

Questa canzone popolare aviglianese fa parte dei canti a dispetto. I piu’ tipici riguardano di solito i fidanzati, ma nel mondo popolare esistono canti contro i pastori, i calzolai, i carbonai, i barbieri ecc. che servono a sminuire, agli occhi delle fanciulle, il mestiere del giovane rivale in amore.

Informatore: Angelo Santarsiero.

Mo’ se ne vena lu squarpare

li gliummarelle int’a lu senale,

se li mangia e una a una

e la megliera remane resciuna.

I’ t’avverte bella femmena

si v’avita mareta’

quanno venire lu squarpare

vui l’avite d’aveta’.

Re la meglia maestranza

lu squarpare egli lu prima,

ma per renchie quira panza

nce vonne tre tumule re lupin.

I’ t’avverte …

Mo’ se ne vene lu squarpare

cu lu cuolle accannarute,

quann li sorde ave fernute

la migliera l’hanna campa’.

I’ t’avverte …

Mo’ se ne vene lu squarpare

cu lu cuolle tise tise,

e’ pezzente e nun tene cammisa

ne’ la triaca pe’ l’arraca’.

I’ t’avverte …

Ora se ne viene il calzolaio / gli involtini nel grembiule, se li mangia uno per uno e la moglie rimane digiuna. / lo ti avverto bella femmina / se vi dovete maritare / quando vedete il calzolaio / voi dovete evitarlo. / Del migliore artigiano / il calzolaio e’ il primo, / ma per riempire quella pancia / ci vogliono tre tomoli di lupini. / lo t’avverto …

Ora se ne viene il calzolaio / con la voglia di mangiare / quando i soldi ha speso / la moglie lo deve mantenere. / lo t’avverto … / Ora se ne viene il calzolaio / con il collo teso teso, / e’ pezzente e non ha la camicia / ne’ la triaca per trascinarlo. / lo t’avverto …

Fonte : La canzone popolare e civile in Basilicata” di P. Basentini e I. Grenci.



Categorie:S02- La canzone popolare lucana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

ADEL - ANTONIO DE LISA'S ARTWORKS

Visual Art - Arti della visione

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

STORIOGRAFIA - HISTORIOGRAPHY - HISTORIOGRAPHIE

POLITICA/POLITICS - SOCIETA'/SOCIETY- ECONOMIA/ECONOMY - CULTURA/CULTURE

ANTONIO DE LISA COMPOSER & LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - SITO PILOTA / PILOT SITE / SITE PILOTE

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry - Théâtre Arts Musique Poésie

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: